Il mercato del food delivery

A livello globale il food delivery vale attualmente oltre 83 miliardi di euro e sta vivendo in tutti i paesi un momento di incredibile sviluppo. Questa esplosione, con livelli di crescita previsti del +3,5% ogni anno per i prossimi 5 anni (dati McKinsey), è fortemente sostenuta anche dal digital food delivery, servizio allargato ormai ad ogni tipologia di cucina. 

Oramai quasi tutti consegnano cibo a domicilio, ma c’è qualcosa di cui nessuno parla.

A dispetto della massiccia modernizzazione delle abitudini d’uso del consumatore finale, la digitalizzazione del food delivery ha mancato completamente il dietro le quinte della ristorazione, ovvero proprietari e gestori di locali, senza occuparsi di valorizzare il 90% degli ordini che ancora passano per la tradizionalissima telefonata. 

La massiccia digitalizzazione del food delivery ha mancato i ristoratori

La ristorazione ha subito spesso passivamente la fase di esplosione del food delivery, adattandosi a processi e tecnologie che hanno messo sullo sfondo la gestione tradizionale del business, trasformando i ristoratori da protagonisti a ingranaggi di un sistema.

Devices Consegne a domicilio Food Delivery

Basti pensare a come si sia trasformata la routine lavorativa del ristoratore medio: per soddisfare le crescenti richieste di un pubblico sempre più avvezzo ad ordinare a domicilio, questo deve ogni giorno districarsi fra diversi devices in un’unica postazione di lavoro (pos, stampanti, tablet, cellulare etc).

Queste ordinazioni  arrivano spesso nello stesso momento e si sovrappongono fra loro senza comunicare e senza un ordine di priorità compatibile con la preparazione e consegna del cibo. Spetta dunque alla bravura del ristoratore, ordine per ordine, gestire questo sovraffollamento e garantire il proprio standard di qualità.

A cosa serve Deliverart

È questo il contesto in cui si inserisce Deliverartil software gestionale per le consegne a domicilio, il cui scopo è digitalizzare i processi del ciclo del delivery – dalla ricezione dell’ordine all’ottimizzazione della consegna – aiutando i ristoratori a gestire efficacemente il loro lavoro e analizzare le proprie performance abbandonando finalmente carta e penna.

La funzionalità core di Deliverart è collocare gli ordini nello slot di tempo più appropriato, con un match in tempo reale fra le disponibilità del ristoratore e i desideri del cliente: con il calcolo automatico dei tempi migliori per la consegna si riduce al minimo il rischio di errore umano. 

Si tratta di uno strumento immediatamente utilizzabile in qualsiasi città del mondo, che non richiede un know-how specifico, e quindi scalabile, che introduce inoltre un’importante novità nel settore del delivery tradizionale. Deliverart offre infatti anche un dettagliato servizio di reportistica e aggregazione dei dati tipicamente assente nel settore della ristorazione, specialmente nelle PMI (scopri di più qui).

Questo la pone ad un livello intermedio fra le ordinazioni e il ristoratore, completando con l’ultimo tassello la rivoluzione del food delivery.

Fonte: Tixe